Cercatore

QUARTIERE GOTICO

Questa piccola “Guida Turistica” non vuole essere un itinerario ordinato per le strade del Quartiere Gotico di Barcellona perchè siamo convinti che le sue vie siano fatte di angoli e vicoli che invitano a perdersi e a scoprire la sua bellezza senza seguire nessun ordine preciso. Vi proponiamo diversi luoghi nei quali crediamo che il turista possa trovare quello che cerca, che sia un monumento, un posto curioso, o un luogo tranquillo dove riposare.

Inizieremo la nostra passeggiata per il quartiere gotico dal centro nevralgico della politica catalana, la piazza Sant Jaume, dove si alzano maestosi uno di fronte all’altro, il Palazzo della Generalità di Catalogna ed il Comune. Tutte le domeniche dell’anno, al mattino, un’orchestra di musica dal vivo suona la sardana e sono molti gli abitanti della città che vanno a ballare la danza tipica catalana. Nell’angolo con la via Ciutat c’è un punto di informazioni turistiche dove troverete qualsiasi tipo di foglietto, guida e proposta di attività.

Attaccata a piazza Sant Juame si trova la Piazza Sant Miquel, dove c’è una delle più recenti sculture che abbellisce la città. Si tratta di uno spettacolare monumento dedicato ad una delle più antiche tradizioni catalane, Els Castellers. Il monumento è firmato da Antoni Llena e suscitò una gran polemica in città a causa del suo elevato costo: 630.000 euro.

Tornando verso la piazza Sant Jaume, possiamo scendere passando per la via del Bisbe, una delle vie più emblematiche e fotografate della città, grazie al suo imponente arco gotico, dove se vi fermate un momento, alzate la vista e guardate con attenzione, vedrete un teschio, la leggenda dice che chi lo vede tornerà un giorno a Barcellona. A metà di questa via c’è l’entrata al chiostro della Cattedrale di Barcellona, dove troverete le 13 oche che vi abitano in modo permanente. Sono proprio tredici perchè è il numero delle torture a cui venne sottoposta Santa Eulalia, l’antica patrona della città e prima martire barcellonese. La via sbocca nella piazza della Cattedrale nel centro della cuale si trova ovviamente la maestosa Cattedrale di Barcellona, che insieme al museo Picasso ed alla Sagrada Familia è il posto per cui i nostri clienti ci chiedono più informazioni quando entrano nel negozio.

Senza dubbio Barcellona è piena di piccoli tesori, che pur non essendo molto famosi sono molto interessanti. Per esempio uno dei nostri angoli preferiti si trova proprio dietro alla Cattedrale. Nascosta nella via Paradís, dentro ad un centro di escursioni, si erge maestosamente un’enorme colonna romana del Tempio di Augusto.

Un altro luogo molto speciale per noi, e molto poco frequentato dai turisti in generale, è la piccola piazza di Sant Felip Neri, che pur trovandosi a meno di cento metri dal trambusto continuo della piazza della Cattedrale, è caratterizzata da un’atmosfera sempre tranquilla e serena. Ha una gradevole fontana centrale ed è protetta da alti edifici, tra cui il museo della calzatura ed una chiesa che conserva nelle sue mura i resti di mitraglia e proiettili, testimoni taciti dei bombardamenti e delle fucilazioni che avvennero durante l’oscuro periodo della guerra civile spagnola.

Il quartire gotico è pieno di splendide ed incantevoli piazze e piazzette, come quella di Sant Just dove si conserva ancora oggi la prima fontana della città, la piazza del Pi, dove la facciata della chiesa mostra orgogliosa uno dei rosoni di maggior diametro di tutta Europa, o la piazza Nova, che si apre nelle scale della Cattedrale di Barcellona e in cui si conservano due torri romane ed una piccola parte delle antiche mura romane.

La piazza del Rey è un ampio e tranquillo spazio con una grande scalinata dove è si trova spesso gente che si rilassa o mangiando un panino. La scalinata dà accesso ad un edificio storico che attualmente ospita il Museo di Storia della città. Se vi piace la storia è una delle tappe imprescindibili. Al suo interno potrete trovare un ascensore trasparente che vi farà scendere fino ai piedi della antica Barcino, potrete vedere come erano distribuite le sue strade, case, sepolcri e scoprire i suoi dipinti a parete, documenti, utensili dell’epoca, ecc...

Un’altra piazza molto interessante per gli amanti della storia è la piazza della Villa di Madrid, dove nel 1954 in una delle opere di rimodellazione di uno dei suoi edifici, venne scoperta una via sepolcrale romana con diversi tipi di monumenti funerari in ottimo stato di conservazione. Attualmente sono visibili al pubblico e la piazza è diventata uno dei più importanti centri di resti archeologici della città.

L’ultima piazza che vogliamo raccomandarvi è la piazza Real, è una delle più conosciute dai turisti che visitano Barcellona, insieme a piazza Cataluña ed è una tappa obbligatoria per la sua grandezza imponente, la sua gradevole fontana centrale, il piacevole ambiente che si respira a tutte le ore nelle terrazze che circondano i lati della piazza ed i caratteristici lampioni che vennero disegnati da Gaudí e che rappresentano il primo lavoro per la città dell’artista mondialmente conosciuto. Successivamente verranno il magnifico Parque Güell, la maestosa Casa Milà, conosciuta come La Pedrera e come dimenticarla, La Sagrada Familia, il suo sogno più titanico ed ammirato ancora in costruzione.

Al numero cinque di via Marlet potrete visitare la sinagoga più antica di tutta Europa e in via Regomir numero 7-9 troverete il patio Llimona, un magnifico patio interno dove ora si trova un centro civico che venne costruito letteralmente sopra le mura romane. Vi consigliamo di entrare perchè al suo interno, interamente rinnovato, potrete salire su una torre romana all’interno di un ascensore, contemplare le parti perfettamente conservate ed illuminate delle mura romane e vedere una delle porte principali che davano accesso a Barcino, origine dell’attuale Barcellona. Anche se la cultura iberica ha lasciato indizi che situano la storia di Barcellona a circa quattro mila anni fa, l’autentico sviluppo della città si deve all’epoca di splendore dell’era romana, che trasformò Barcino in uno dei suoi principali porti per commerciare con tutto il Mediterraneo.

E per concludere la nostra passeggiata con un dolce sapore in bocca vi proponiamo, come faceva spesso Dalí, di fare merenda con cioccolata calda e churros in una delle strade più pittoresche della città la via Petritxol. Il locale più famoso si trova nel numero 11 e si chiama La Pallaresa.

La via Petritxol è uno stretto vicolo che collega la via Portaferrisa con la piazza del Pi. I barcellonesi chiamano questa via, vicolo dei pittori perché proprio qui si sono trasferiti numerosi pittori della città ed anche perché vi si trova la prima sala di arte riconosciuta in tutta Europa, La Sala Parés (1840), ancora oggi aperta al pubblico. Risulta difficile spiegare la magia di questa via piena di piccoli negozi, che per noi raccoglie l’essenza del quartiere gotico nella sua massima espressione. Speriamo che la possiate percorrere presto!

Uscendo dalla via Portaferrissa arriverete alla Rambla, se andate in direzione Piazza Catalunya troverete la famosa fontana di Canaletas, si dice che chi beve la sua acqua verrà riportato dal destino a Barcellona.

Se avete ancora voglia di camminare, attraversata piazza Catalunya arriverete a Paseo de Gracia. In questo viale potrete trovare gran parte delle più importanti marche internazionali di moda e complementi, oltre agli edifici nominati sopra di Antonio Gaudí: La Pedrera e la Casa Batlló.

Speriamo che apprezziate questi bellissimi luoghi, per noi speciali, che offre la città di Barcellona. Vi invitiamo a scoprirla ed a condividere con noi i vostri posti preferiti.

 

QUARTOIERE GÓTICO

 

Piazza Sant Jaume

Palazzo della Generalità

Comune

Piazza Sant Miquel

Els Castellers

Via dei Bisbe

Cattedrale di Barcellona

Chiostro

Santa Eulalia

Le 13 oche

Tempio Augusto

Piazza Sant Felip Neri

Museo della Calzatura

Piazza del Pi

Basillica di Sta. María del Pi

Piazza Nova

Piazza del Rey

Museo di Storia di Barcellona

Piazza della Villa di Madrid

Piazza Real

Sinagoga

Pati Llimona

Petritxol

La Rambla

Fontana di Canaletas

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

    Indietro

 

 

Este sitio web utiliza cookies propias y de terceros para mejorar nuestros servicios. Si continua navegando, consideramos que acepta su uso. Puede saber más sobre nuestra política de cookies aquí